Grimoire. Il preludio di Francis Reed

Trama

Celata agli occhi del mondo, una strega oscura minaccia la pace che da secoli regna tra i popoli del Continente, decisa a vendicarsi dei soprusi subiti dalla sua stirpe. Al Bianco Concilio, una congrega di streghe animata da nobili intenti, spetta l’arduo compito di contrastare la minaccia, cercando alleati anche presso i popoli che, storicamente, hanno sempre osteggiato ed aborrito la magia in ogni sua forma. Basteranno il coraggio ed un nemico comune, ad abbattere secoli di conflitti e pregiudizi?

Link d’acquisto: QUI

Formato: Formato Kindle
Dimensioni file: 1143 KB
Lunghezza stampa: 97
Editore: Lettere Animate Editore (22 febbraio 2019)
Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
Lingua: Italiano

a cura di Cinzia Cogni

Come specificato nel titolo, questo è il preludio di una saga ancora inedita, nata dall’immaginazione di un autore emergente, Francis Reed, ma che sicuramente farà parlare di sé.
Le premesse infatti, ci sono tutte!
Ci troviamo dinanzi a una storia ben congeniata, lo si intuisce fin dalle prime pagine: in questo mondo è bandita la magia, la caccia alle streghe è normalità ed i protagonisti sono 2 fratelli le cui vite vengono stravolte dalla morte della madre e da un padre inesistente.
Chander ,un giovane cacciatore di streghe , segue le orme del fratello maggiore e sarà disposto a numerosi sacrifici pur di diventare Custode, con il desiderio di partecipare alla Grande Caccia alle Streghe che si tiene ogni 19 anni. Il destino però, ha in serbo qualcosa di diverso per Chander: suo fratello scompare e lui sarà pronto a tutto pur di ritrovarlo.

“Le streghe sono prive di potere una volta ogni 19 anni, nella notte del doppio plenilunio e noi diamo la caccia ad una stronza che anche senza i suoi poteri stregoneschi è comunque in grado di usare la magia per controllare gli alberi. Se questa non è sfortuna…”

“Suo fratello era scomparso. Il suo mondo interiore implose con lo stesso frastuono che emetteva la Fornace, il grande vulcano a nord della Vedetta, quando eruttava: si sentì esplodere il petto più di una volta…”

Questa non è l’unica storia, l’autore infatti, ci stupisce creandone un altra ,parallela e con sottili analogie, dove il secondo genito del Grande Orso, Rickard, vive all’ombra del fratello maggiore, non considerato dal padre e destinato all’infelicità in quanto costretto a rinunciare alla donna che ama, per dovere verso la Patria.

” Aveva capito di essere innamorato, ed era per lui una sensazione nuova: da un lato gli sembrava che lo rendesse invincibile, e dall’altro invece era convinto che si nutrisse della sua energia vitale. Dovrebbero annoverare l’amore nell’elenco delle creature oscure, pensava, tanto lo tormentava quel mostricciattolo prepotente che gli si era annidato nelle viscere.”

Un romanzo fantasy eppure realistico, talvolta ironico, fra misteri e colpi di scena, dove i protagonisti sono descritti in modo eccellente e ben caratterizzati, tanto da riuscire ad immedesimarsi con loro; si riesce ad immaginarli e a dargli un volto e sinceramente, non mi capita spesso durante le mie letture.
È facile calarsi in questa storia anche grazie ad una scrittura semplice ma incalzante, dove l’autore non si dilunga in descrizioni che talvolta annoiano ,è conciso e al tempo stesso ci mette la giusta dose di mistero che coivolge il lettore.

” Puoi sempre trovare qualche ottimo consiglio di sopravvivenza. Non dimenticare: le tecniche migliori si imparano da quelli che sono sopravvissuti abbastanza a lungo per poterne scrivere.”

In questa prima parte possiamo già intravedere che l’amore, l’amicizia, la lealtà e la lotta fra bene e male, sono i valori fondamentali su cui si base il romanzo e c’è voluto davvero poco per affezionarmi ad un personaggio in particolare.

“Trattava chi gli stava intorno con estremo distacco, ed era convinto che gli uomini sotto il suo comando fossero solo pedine: ognuno di loro era utile, ma nessuno insostituibile. Rickard invece non riusciva a pensare agli altri Custodi come a dei nomi su un pezzo di carta a cui era stato abbinato un grado: ognuno di loro aveva un nome, una storia, una famiglia e dei sogni e non riusciva a non pensare che ognuno di questi uomini fosse unico, e in quanto tale importante…”

Ora attendo fiduciosa l’uscita del prossimo volume, curiosa di sapere come si intrecceranno le due storie e pronta a vivere una nuova avventura!

Precedente Segnalazione dal blog: Giovanni Obezzi, Il gatto di Holmes (Edizioni Kimerik). Successivo Una vita da signorina. Viaggio nella raccolta più popolare della letteratura cosiddetta di evasione di Miranda Miranda

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.