“FLORENTINE” LA PUPILLA DEL MAGNIFICO

RECENSIONE di JESSICA PENNINI

Amo Firenze e la storia della famiglia Medici, sono due combinazioni che insieme mi hanno sempre affascinata molto, dunque la lettura di questo libro mi ha lasciata molto soddisfatta.

Le vicende si svolgono nella città fiorentina durante la seconda metà del Quattrocento. Lorenzo de Medici ha nelle sue mani la politica, l’economia e le arti di Firenze ma deve anche guardarsi le spalle dai suoi nemici, come ad esempio la famiglia Pazzi.

In questo gioco di intrighi politici troviamo Vanna de Bardi, una giovane orfana a cui Lorenzo dona un titolo nobiliare e la sua protezione. La ragazza diventa in seguito dama di compagnia della bellissima Simonetta Catteno Vespucci, divenendo così a conoscenza di numerosi segreti e si troverà al centro di una travagliata storia d’amore mentre Firenze viene sconvolta dalla famosa Congiura.

Quello che emerge chiaramente fin dall’inizio della lettura è l’accuratezza storica dell’autrice, che ha compiuto davvero un grande lavoro di studio e di ricerca per non lasciare nulla al caso, ogni dettaglio di questo libro è estremamente curato.

Questo fa sì che la Storia è la finzione siano così equilibrate che diventa difficile distinguerle l’una dall’altra e la componente romantica dona alla lettura un qualcosa in più che arricchisce il tutto. Lo stile di narrazione è accattivante e l’autrice ha dimostrato di saper trascrivere su carta i pensieri e le azioni di personaggi così lontani da noi come epoca in un modo coinvolgente, tanto da farci sembrare di assistere agli eventi direttamente.

A mio parere questa lettura, proprio per il suo essere così ben definita nei particolari e ricca di dettagli, è adatta a chiunque ami questo periodo così importante della nostra Storia.

Marina Colacchi Simone, nata a Roma, giornalista e scrittrice, ha sempre lavorato col collega e marito Pino Simone curando per numerose riviste di settore le pagine del turismo e della cultura. Ha pubblicato novelle per “Segretissimo” Mondadori e ha scritto a quattro mani con Simone una serie di libri dedicati alla ricerca delle tradizioni enogastronomiche in Italia e nel mondo, vincendo numerosi premi giornalistici e letterari. E’ al suo primo romanzo storico.

 

Signoria di Firenze,1474. Lo chiamano già “il Magnifico”. Splendido mecenate, Lorenzo de’Medici che accoglie nelle sue dimore il fior fiore dell’arte e della letteratura, è l’unica voce di equilibrio politico nell’Italia del suo tempo. Fama che scatena l’invidia della nobile famiglia fiorentina di Jacopo Pazzi mentre Papa Sisto IV e suo nipote Riario, Ferrante d’Aragona e Federico d’Urbino lo temono e lo odiano. In un clima di feste ed intrighi arriva a Firenze Vanna de’Bardi, giovane orfana alla quale Lorenzo dona un titolo nobiliare e la sua protezione. Dama di compagnia di Simonetta Cattaneo Vespucci, diventa depositaria del segreto d’amore tra la donna più bella della Signoria e Giuliano de’Medici e destinataria di un diamante dal valore inestimabile appartenuto al Duca di Borgogna. La sua vita verrà così turbata dalle mire di Matteo, affascinante e violento nipote di Clarice Orsini e dalle pene d’amore per il bel cavaliere d’Asburgo, Guido Montefiori. Le gesta di un’infinita serie di personaggi escono dalle pagine dei libri di storia per intrecciarsi con la vicenda di Vanna de’Bardi, che è quella dei giorni più oscuri di Lorenzo e della Congiura dei Pazzi.

  • Copertina flessibile : 304 pagine
  • ISBN-10 : 8827859764
  • ISBN-13 : 978-8827859766
  • Dimensioni e/o peso : 15.01 x 1.93 x 21.01 cm
  • Editore : Youcanprint SelfPublishing (26 giugno 2019) LINK D’ACQUISTO
Precedente La Villa dei Papiri. Una residenza antica e la sua biblioteca di Francesca Longo Auricchio, Giovanni Indelli, Giuliana Leone, Gianluca Del Mastro Successivo Assenzio - Artemisia absinthium L. e la leggenda della fata verde

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.