I SEGRETI DI VILLA SOFIA – Cristina Cavallazzi

Nell’Italia di metà Ottocento, Sergio, figlio di Filippo Menardi, un noto pittore, ha appena ereditato la villa paterna, quando si trova coinvolto in una drammatica vicenda che affonda le sue radici negli anni della Rivoluzione francese di 60 anni prima. Nella sua tranquilla vita borghese fanno irruzione personaggi come Dario Ballerini, intraprendente e temerario, con i suoi giovanissimi nipoti, Bernard Rivaux, dal fascino esotico ma inquietante e Madame Colette, la quale, nonostante un matrimonio felice porta con sé un segreto che potrebbe distruggere il suo nido d’amore. Per questo è in Italia, per entrare in possesso dell’unica prova in grado di far luce su una tragedia avvenuta a Marsiglia nel 1790. Anche Rivaux è alla ricerca della stessa prova, per poter dimostrare che non è stato un tragico incidente, ma un delitto, che è costato la vita a suo padre François, ad opera del padre di Colette. La prova verrà ritrovata ma la vera soluzione del mistero sarà, imprevedibilmente, merito di Filippo Menardi, che oltre a essere un grande artista, era stato anche uno scienziato e aveva costruito una Macchina del Tempo. Ritrovata per puro caso, verrà usata per una sconvolgente spedizione.

Il parere di Jessica Pennini
Un libro ben scritto con una storia che prende avvio nell’Italia ottocentesca ma che affonda lesue radici nell’epoca della rivoluzione francese.

Il protagonista Sergio, figlio di un famoso pittore ha da poco ereditato la villa del padre e insieme ad altri protagonisti dovrà partire alla ricerca dell’unica prova in grado di fare luce su una tragedia avvenuta circa sessant’anni prima, a Marsiglia.

Ho trovato questo libro ben scritto, documentato per quanto riguarda la parte di ricerca storica.

Mi è molto piaciuta come lettura, è stato davvero avvincente viaggiare nel tempo assieme ai personaggi e scoprire cose nuove.

Precedente Santamarta. Gli eredi della Terra di Altrove di Giorgia Cozza Successivo La terra dell'eterna notte di William Hope Hodgson

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.