Il leone e la farfalla di Claudio Bedin

Recensione a cura di Cinzia Cogni

Esistono sul mercato tanti generi di romanzi, ma quello che prediligo da sempre è il Romanzo Storico, perché oltre a raccontare una storia ti permette di viaggiare nel passato: dalla descrizione dei luoghi, agli usi ed i costumi dell’epoca, descritti in modo ricercato ed accurato.
Naturalmente c’è dietro molto studio e soprattutto una lunga ricerca, per questo lo apprezzo ancora di più.
Quindi, come potevo rimanere indifferente al libro di Claudio Bedin “Il leone e la farfalla” che possiede tutte queste caratteristiche?

“Su un’arancia tagliata a metà Alvise notò una farfalla, che sembrava del tutto fuori posto …le sue ali erano rosse e oro come il leone che aveva visto sul vessillo e come le frange che decoravano la bandiera.”

Un romanzo ambientato nella Venezia del 1500, dove attraverso i protagonisti il lettore può rivivere le vicende storiche più importanti che hanno caratterizzato quel periodo: le varie guerre in mare, gli assedi di Malta e Cipro, fino alla nota battaglia di Lepanto.
Quello che può sembrare un romanzo avventuroso, in realtà cela una grande storia d’amore, che dà emozioni, che crea empatia con i due protagonisti, che dovranno affrontare un destino pieno di insidie per poter stare insieme.

“…anche per lui la galea senza lo sperone sembrava un’aquila senza il becco, un maschio di cinghiale senza le zanne.
– A cosa stai pensando? – gli chiese l’amico.
– Alla prima volta che mio padre mi portò a vedere il mare. Ricordo che correvo sulla riva, la spiaggia mi sembrava infinita. La pioggia che ricamava la sabbia, la brezza che soffiava fresca e il cielo che si mescolava al mare…-
-Il mare ti prende e non ti abbandona più – soggiunse Stelvio.”

Alvise Zancan è solo un ragazzo quando lascia la famiglia per trasferirsi a Venezia a lavorare come garzone al banco di frutta e verdura di un amico del padre, venuto a mancare da poco; proprio qui incontra Lucia, una ragazza povera, che vive di espedienti e fin da subito scocca una scintilla fra loro. Alvise pero’, si mette nei guai per cercare di aiutarla ed entrambi saranno costretti a scappare da Venezia, ma prendendo strade diverse.
Lucia e Alvise si rincontreranno anni dopo a Pola, in Istria, lei decoratrice di vasellame in una bottega della città , mentre lui ora è un mercante che si trova lì per affari.
Li ritroveremo cresciuti, cambiati e vivremo con loro un’alternanza di gioie e dolori , dove gli eventi storici di quel periodo influenzeranno le loro vite e dove anche il mare sarà protagonista.

“Alla luce della luna la guardò: il volto era raggiante, come la prima volta che l’aveva vista al mercato di Rialto. Aveva anche adesso un fazzoletto che parzialmente le copriva i capelli biondi e teneva pure uno scialle sulle spalle. Allora, e lui se lo ricordava benissimo, era rosso e oro; questo era scuro, ma gli piacque abbandonarsi al ricordo del loro primo incontro.”

A rendere ancor più credibile questo romanzo sono gli approfondimenti, gli aneddoti storici, i piccoli particolari di vita quotidiana, la descizione delle navi e di tutto l’armamento bellico che veniva impiegato, dando merito all’autore della sua cultura .
Una scrittura chiara e precisa che descrive luoghi, eventi e personaggi in modo impeccabile, ma ciò che mi ha maggiormente stupito è il profilo psicologico delle protagoniste femminili: da donna è stato facile entrare in simbiosi con loro, difficile pensare che le abbia ritratte un uomo…c’è dietro una sensibilità particolare.

“Il leone e la farfalla” non è solo una storia d’amore in uno dei luoghi storici e artistici più suggestivi del ‘500 e nemmeno un saggio sulle vicende di quel periodo, ma una fusione perfetta di entrambe le cose, per questo lo consiglio vivamente a tutti gli amanti del genere .

” Alvise si alzò dalla sedia e si avvicinò al letto, dove Lucia già lo aspettava.
Era felice: e la felicità non dice, non sa, è. “

Precedente Gli Sterminatori di Eserciti di Miki Ciavarella BookRoad Editore Successivo Il dominio del sangue - Giordano Drago

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.