Malachia tra storia e misteri di Paolo Gulisano

«Durante l’ultima persecuzione di Santa Romana Chiesa siederà Pietro Romano che pascerà il gregge in mezzo a molte tribolazioni». Così si concludono le profezie sui papi da secoli attribuite a un santo irlandese, Malachia. Siamo davvero giunti ai «tempi ultimi»? Questa biografia ci rivela il vero Malachia, splendida figura della Chiesa medievale, e tra storia e misteri ci proietta nel futuro prossimo venturo.

Copertina flessibile: 144 pagine
Editore: Ancora (16 aprile 2019)
Collana: Medievalia

 

 

 

Recensione a cura di Sara Valentino

Ho una predilezione per i saggi e quando ho iniziato la lettura di “Malachia” del dottor Paolo Gulisano, studioso della storia e della cultura delle Isole Britanniche, sono stata letteralmente rapita dalle sue parole.

I misteri e le leggende sono affascinanti per molti di noi, io sin da bambina ne sono rimasta attratta e le profezie sono da sempre per tutti una calamita. Il desiderio di conoscere il futuro e allo stesso tempo il timore di cosa esso ci riserverà.

In questo testo, molto ben documentato ovviamente, c’è un racconto che parte da lontano, da molto prima della nascita del Santo, dall’esigenze di comprendere e dalla situazione politico e religiosa in cui lo stesso è vissuto. Malachia nasce nel 1095, è un anno cruciale nella storia della cristianità: la riconquista della Terra Santa e il desiderio di una ricomposizione nella frattura tra Chiesa orientale e latina. Nasce in Irlanda, un’isola, al tempo delle conquiste, così remota perfino all’occhio dell’impero romano.

Paolo Gulisano ci permette questo viaggio nel passato, indietro nel tempo fino a quando San Patrizio iniziò la sua opera di evangelizzazione. Il cristianesimo irlandese fu in una forma mistica, volto all’eroismo e visionario. Gli irlandesi anche all’interno delle comunità monastiche erano uomini appassionati, intensi, come lo erano stati i Celti, sia negli affetti che nelle passioni.

San Bernardo di Clairvaux (Chiaravalle) scrive la vita di Malachia per fare in modo che la sua eccezionalità resti ai posteri. Era quello un tempo in cui la Chiesa era degenerata nei costumi quindi era una Chiesa in crisi.. di santità. San Bernardo e Malachia condividevano inoltre un profondo rapporto di amicizia.

Il testo prosegue nel racconto della vita di San Malachia, sino alla fine, che vi invito a leggere naturalmente. Si parla anche e dettagliatamente della storia dell’Irlanda e delle sue persecuzioni. Ma mi preme fare delle considerazioni su alcuni punti chiave che personalmente mi hanno indotto in riflessioni ottime anche per il tempo in cui stiamo vivendo.

I Misteri sono alla base della curiosità dell’essere umano come anche il desiderio di interpretare il futuro. Non a caso “L’Antico Testamento si chiude con il Libro di Malachia, l’ultima profezia prima dell’avvento del Messia, che sarà annunciato dal precursore, Giovanni Battista…” perché il monaco e il profeta entrambi hanno il dono della profezia e un grande desiderio di riformare la Chiesa.

Delle sue profezie, della loro possibile veridicità, e della sua reale paternità si parla approfonditamente nel saggio, iniziando dal fatto che San Bernardo nella biografia non ne parla.

Non è nemmeno un caso che l’abbazia di Chiaravalle dove Malachia venne in visita, e dove fu anche sepolto, sarà una delle prossime mete del nostro gruppo.  La trovo una coincidenza sconcertante.

Il suo motto: “Disprezzare il mondo, non disprezzare alcuno, disprezzare di essere disprezzati”. Malachia è entrato di diritto nella storia, nel mistero e nella leggenda. Un grande pastore, asceta, santo taumaturgo. Alla sua morte, prematura, la sua isola stava andando incontro a un processo doloroso di trasformazione epocale, una sorta di apocalisse.

Di queste profezie, la visione dei 111 papi, la cui lista trovate nel testo ove si parla e si discute analizzando le teorie più o meno accreditate.

Non ci resta che attendere…

“Durante l’ultima persecuzione di Santa Romana Chiesa sederà Pietro Romano che pascerà il gregge in mezzo a molte tribolazioni”

Precedente Annuncio a Sant’Anna di Guercino Successivo PICCOLE DONNE Di LOUISA MAY ALCOTT

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.