Sposo di Sangue di Carmen Nolasco

Trama

Dopo la morte di sua moglie in un incidente stradale, Noè abbandona il lavoro da avvocato e si dedica alla scultura, mentre tenta di venire a patti con la scoperta che i venticinque anni di matrimonio con Greta sono stati costellati da menzogne. La ricerca della verità scorre in parallelo alla scultura di un gargoyle, che sembra oggettivare il suo dolore, e al ricordo sempre più vivo del suo primo amore Miriam, alla cui scomparsa Greta non è estranea.

Sposo di sangue Link d’acquisto

 

 

Copertina flessibile: 146 pagine
Editore: Les Flâneurs Edizioni (28 febbraio 2019)
Collana: Bohemien
Lingua: Italiano
ISBN-10: 8894990710
ISBN-13: 978-8894990713

a cura di Lettrice Ribelle

“Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.
Nescio sed fieri sentio et excrucior”
Gaius Valerius Catullus
Odio e amo, Perchè lo faccia, mi chiedi forse. Non lo so, ma sento che succede e mi tormento.
E’ forse vero che l’amore è anche tormento? Forse Noè non si era mai posto questa domanda prima di infilare le mani in mezzo alle cose della sua cara moglie, come forse non si era mai fatto la domanda: “sono felice?”

Ed in un turbinio di emozioni dolorose si trova a dover mettere da parte venticinque anni della sua vita, del suo matrimonio con Greta, perchè il destino dà e, spesso prematuramente, toglie.

Superare il lutto della persona amata implica passaggi mentali distorti, si passa dalla negazione, alla rabbia, all’ira, all’impotenza e alla rassegnazione. Ma quando Noè si trova fra le mani un biglietto scritto da lui per Greta, si rende conto che il suo matrimonio è stata una completa finzione!
Inizia per Noè una discesa verso l’abisso in cui però razionalmente, ha bisogno di tenere le figlie al riparo dal castello di menzogne nel quale si trova immerso, un castello di carte che gli si sta rovinosamente cascando addosso.

Inizia a ripercorrere le fasi importanti della sua vita e non può non ripartire dal suo primo grandissimo amore Miriam. Lascia il lavoro di avvocato, che ha sempre detestato e si dedica ad un enorme pezzo di pietra in cui rovescia tutta la sua rabbia e frustrazione, solo in seguito capisce che sta scolpendo la sua Greta sotto forma di gargoyle. Cerca Miriam col timore che sia troppo tardi e rimette a posto tutti i tasselli della propria vita.

Un viaggio nell’io profondo di un uomo distrutto che lotta per non restare vittima dell’oblio. Una trama ricca di colpi di scena e un intreccio fitto e semplice.

Non avevo mai letto niente di questa autrice ma sono rimasta davvero colpita dalla sua scrittura mai banale e scontata!
Voto 4/5

Precedente I Visconti. Le battaglie della vipera di Daniela Pizzagalli Successivo LA SOCIETÀ GENTILIZIA NELL’ITALIA ANTICA TRA REALTÀ E MITO STORIOGRAFICO

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.