Il blog consiglia: L’amica geniale – Elena Ferrante

trama

Il romanzo comincia seguendo le due protagoniste bambine, e poi adolescenti, tra le quinte di un rione miserabile della periferia napoletana, tra una folla di personaggi minori accompagnati lungo il loro percorso con attenta assiduità. L’autrice scava nella natura complessa dell’amicizia tra due bambine, tra due ragazzine, tra due donne, seguendo la loro crescita individuale, il modo di influenzarsi reciprocamente, i buoni e i cattivi sentimenti che nutrono nei decenni un rapporto vero, robusto. Narra poi gli effetti dei cambiamenti che investono il rione, Napoli, l’Italia, in più di un cinquantennio, trasformando le amiche e il loro legame. E tutto ciò precipita nella pagina con l’andamento delle grandi narrazioni popolari, dense e insieme veloci, profonde e lievi, rovesciando di continuo situazioni, svelando fondi segreti dei personaggi, sommando evento a evento senza tregua, ma con la profondità e la potenza di voce a cui l’autrice ci ha abituati. Si tratta di quel genere di libro che non finisce. O, per dire meglio, l’autrice porta compiutamente a termine in questo primo romanzo la narrazione dell’infanzia e dell’adolescenza di Lila e di Elena, ma ci lascia sulla soglia di nuovi grandi mutamenti che stanno per sconvolgere le loro vite e il loro intensissimo rapporto.

 

 

Copertina flessibile: 400 pagine
Editore: E/O (14 ottobre 2011)
Collana: Dal mondo
Lingua: Italiano
ISBN-10: 8866320323
ISBN-13: 978-8866320326

“Tu sei la mia amica geniale. Devi diventare la più brava di tutti, maschi e femmine”.

Bildungsroman,cioè romanzo di formazione,in cui si intrecciano,si fondono la vita di Lila (Raffaella) e Lenù (Elena),protagoniste de “L’amica geniale” di Elena Ferrante.

Comprende i sequel: “Storia del nuovo cognome”, “Storia di chi fugge e di chi resta”, “Storia della bambina perduta”.

Un’amicizia nata da una battaglia a sassate quella di Elena e Lila, figlia di un usciere del Comune la prima e di un calzolaio (scarparo) la seconda.

Ma se Elena sembra destinata dopo la scuola elementare a continuare gli studi, così non sarà per Lila, che invece aiuterà suo padre nella bottega di calzolaio.

Il romanzo prosegue narrando l’arrivo dell’adolescenza delle due protagoniste, Elena che dopo la scuola media frequenterà il ginnasio e Lila che invece si sposerà.

Sembra quasi di trovarsi in un romanzo verghiano, con il suo “coro di personaggi”, Il rione, con le sue miserie, le sue storie di violenza e sopravvivenza; diventa il luogo simbolo di questa quadrilogia sullo sfondo di una Napoli degli anni 50′.

a cura di Laura Montanaro

Precedente In tasca la paura di volare di Lorenzo Foltran Successivo Segnalazione dal blog: Un giorno verrà di Giulia Caminito

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.