Crea sito

Sangue tra gli Achei di Sergio Bonizzoni Conca

Recensione a cura di Sara Valentino

Novello Poirot, un Ulisse che travalica le ali della fantasia è il protagonista di questi due misteriosi casi da risolvere.

Allora munitevi di polvere di illusioni, immaginazione e bizzarria per aggirarvi insieme a Dado Morante per il campo degli achei, calatevi nella quotidianità dei guerrieri vivete i retroscena, quelli possibili e mai raccontati oltre le scene delle battaglie.

Dobbiamo immaginare cosa poteva accadere oltre la guerra e aprire una finestra molto dolorosa captando la violenza degli invasori, le razzie e il sangue a fiumi a lordare la terra.

“Immaginai perchè, non sentendo più mia madre. Piangente fui portata giù al porto e messa con le altre.. Durante il viaggio, rivisitando con rabbia la gratuità dell’azione dei vostri uomini…”

Emerge nel racconto l’impotenza e la rabbia delle vittime innocenti anche se lontane dai campi di battaglia.

Su questo palcoscenico, montato ad arte, improvvise morti, omicidi e sangue su cui il nostro andrà a indagare. Lo farà proprio in maniera astuta, guardando ai dettagli, quelli che fanno la differenza tra la vita e la morte.

“Stavamo così inscenando un tragico balletto di ombre, nel chiaroscuro delle fiaccole, giocando a chi inseguiva chi e a chi si nascondeva meglio dell’altro. Ma compagna di giochi era la morte e Ulisse non lo sapeva”

Un libro leggero e spassoso di pura evasione ma che ha un filo conduttore unico tra le due storie, una delle quali sarà, nell’immaginario, l’apripista della fine della guerra di Troia. Non mancano scene forti, punizioni esemplari ma anche un senso di pietà imprevisto.

Un messaggio emerge ed è quello che anche le piccole cose, quelle apparentemente più insignificanti nascondono qualcosa di grande e significativo. Ci troviamo così spesso catturati dal contenitore esterno che non riusciamo a vedere oltre.

Trama. Il professor Donati convince un suo ex studente, Dado Morante, a scrivere un giallo ambientato durante la Guerra di Troia: ormai da diversi anni, gli Achei stanno assediando la città di Priamo ma le sue mura sembrano un ostacolo insormontabile. Soltanto Ulisse, aiutato dalla propria arguzia, riuscirà a espugnare Troia con il famigerato espediente del cavallo di legno. Ma prima di arrivare a questo, il figlio di Laerte, come un moderno Poirot, è costretto a risolvere una serie di misteriosi delitti che terrorizzano i guerrieri Achei.

  • Editore : Leone (9 luglio 2020)
  • Copertina flessibile : 116 pagine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.